Si parla da molti anni del reale vantaggio che possono avere i social network all’interno di una strategia SEO. Ci sono molte correnti di pensiero che considerano totalmente inutile l’apporto che possono avere i social media per il nostro posizionamento web. Questo, però, non è un ragionamento corretto.

In questo articolo cerchiamo di sfatare alcuni miti e vedere come l’integrazione di questi strumenti all’interno di una strategia SEO ampliano, e di molto, le possibilità di avere maggior impatto nel mercato digitale.

Sommario:

Non puoi ignorare un mercato da miliardi di utenti

social mediaRifiutare di avere una presenza nei social network vuol dire semplicemente rifiutare di entrare a far parte di un mercato da miliardi di utenti.
La società attuale procede verso una condivisione di quelli che sono gli interessi tra le varie persone e le reti sociali rappresentano un potente strumento al servizio di tale fine.

Rifiutarsi di essere attivi in Facebook significa rinunciare a 2.2 miliardi di utenti, non condividere video su Youtube implica non avere a che fare con 1.5 miliardi di users. A volte i social media sono anche l’unica modalità per entrare in un mercato, come quello cinese, dove Google e Facebook non sono permessi e quindi l’unico modo per promuovere i propri prodotti è quello di essere presente nella rete sociale di Weibo, per esempio.

I social media aumentano il traffico della tua pagina web

social media seo strategiaQuesto, per molti esperti nel settore, rappresenta il maggior beneficio legato all’implementazione di una strategia social media. All’interno dei propri post possono essere inseriti dei link che rimandano alla nostra pagina web personale o corporate.

In questo modo, il soggetto interessato all’articolo o pagina, cliccando sul link può entrare direttamente nel nostro website.

L’aumento del traffico alla nostra pagina web ci consente di far entrare più persone possibili nel nostro mondo e a contatto con la nostra realtà. Sta a noi ora trasformare gli utenti occasionali in fidelizzati.

La maniera più semplice di ridurre il Bounce Rate e aumentare il tempo di permanenza

Come? Semplice! Segmentando il tuo pubblico. Tutti i social network consentono di poter effettuare campagne ADS segmentate per la tipologia di pubblico che è interessata al te e la tua azienda.

Facciamo un esempio per semplificare il discorso.
Un blog di musica pubblica un articolo riguardante Liberato, il cantante napoletano di cui non si sa l’identità e che attualmente ha grande successo tra i giovani. Pubblicando l’articolo attraverso le reti sociale e promuovendolo secondo il segmento di persone che potrebbero essere interessate cosa può accadere? Target: 14 – 30 Regione: Campania e che hanno interessi collegati alla musica, musica napoletana e pop. In questo modo riusciamo ad attirare l’attenzione, per la nostra pubblicazione, di  persone che sono realmente interessate all’argomento e che quasi sicuramente cliccheranno sull’articolo e ci rimarranno per molto tempo.

A questo ovviamente va associata un’ottima strategia di internalink e di copywriting che invogli il lettore a leggere l’articolo e a cliccare sugli altri per ottenere degli approfondimenti.

Integrare Google Plus migliora la SERP

google plus logoGoogle mette a disposizione numerosi strumenti all’interno del web e gli piace che vengano utilizzati. Per questo pubblicare ed integrare Google plus all’interno della tua strategia SEO non può far altro che migliorare il tuo posizionamento, seppur indirettamente.

Infatti i contenuti non sono limitati, come nel caso di Twitter e Facebook, ma pubblici. Per questo ogni qual volta che si pubblica un post il robot di Google lo rileva e lo indicizza.

Per riassumere, progettare una serie di azioni che possano portare i social ad avere un ruolo importante nella tua strategia SEO non può far altro che migliorare il tuo posizionamento.

In questo caso non si parla più di posizionamento puro e semplice (ranking), ma di branding.

I fattori che influenzano una strategia di branding, infatti. hanno effetto anche sul posizionamento all’interno dei motori di ricerca oramai.

Per avere maggiori approfondimenti o se sei interessato a creare una strategia social contattami qui senza problemi

Condividi